You are here: Home -  Hogan Interactive Uomo il lavoro svolto nello spostamento del

Hogan Interactive Uomo il lavoro svolto nello spostamento del

Hogan Interactive Uomo

Questo articolo presenta un modello deterministico per il lavoro svolto su entrambi paziente e terapeuta in un 2400 sistema statale 5-dimensionale. I dati sono tratti da sei sessioni di consultazione psicoterapia e le dimensioni quantificati sono stati selezionati principalmente sulla base di una concettualizzazione di segni empirici di comunicazione inconscia. Il concetto di lavoro utilizzato è tratto dalla fisica del moto che vede il lavoro come l'integrale della forza lungo il suo percorso di azione. La definizione di forza è newtoniana (F = m a). Il presente modello, verificato da analisi di regressione (p ⪡ 10-5), postula che il lavoro fatto dalla forza derivata dalla interazione paziente / terapeuta a cambiare paziente e terapeuta stati è una funzione lineare del tempo. Di conseguenza, la forza è non-conservatore perché circa la metà di tutti gli stati sono rivisitati e lavoro positivo è fatto in restituzione del paziente o terapeuta ad uno stato precedente. Così, il lavoro svolto nello spostamento del paziente o terapeuta dagli iniziali a uno stato finale dipende dal percorso scelto iniziale allo stato finale. Un'applicazione del teorema di Stokes 'conferma che la forza tende a ritornare paziente e terapeuta Sito Hogan a stati precedenti nello spazio 5-dimensionale, e mostra che la forza vincola anche il moto della 'informazioni particella' Hogan Interactive Uomo sotto studio per un guscio ellissoidale cui centro coordinate sono inferiormente di un cubo 5-dimensionale. Questa regione corrisponde al basso livello di espressione dell'inconscio. Il movimento libero da questa geometria sembra riflettere stili o preferenze comunicative generali e individuali. I presenti risultati supportano anche i risultati precedenti sulla natura di entropia informativa. Le implicazioni di questi risultati per la natura del processo terapeutico sono discussi.
0 Commenti


Parlare la vostra mente